AUCAN: 16/12/2011 live @ Tpo (Bologna)

Published on December 22nd, 2011


Attendevo di sentirli live da tanto e le aspettative erano molte. Le belle parole spese su di loro da amici e colleghi erano già state in qualche modo confermate dal play spinto per ascltarne l’album. “Black raimbow” degli Aucan è stato fin dall’inizio capace di entrare ed insinuarsi tra le giuste corde ma, prima di averne conferma, una band a mio avviso deve sempre essere sentita dal vivo.
Ed eccomi qua vicino al bancone del TPO mentre bevo un altro Capo Amaro a chiacchierare del più e del meno con l’orecchio alzato in direzione palco solleticato da una base registrata e luci basse, mi dirigo verso i 4 fari lievi in fondo al salone, la base cresce ed è come se non solo gli occhi e le orecchie ma il corpo intero sia in attesa impaziente che la cassa esploda per dare il via al tutto. Quasi 8 minuti ed ecco il trio bresciano salire sul palco: fumo e capucci a coprirli. Il dopo è dubstep a livelli da rave, un crescendo quasi senza sosta, un guardarsi in giro per scrutare le espressioni, i movimenti e le vibrazioni di chi ti sta vicino. Viaggiatori e compagni inconsapevoli su un’astronave o bus senza ruote pilotato dagli Aucan, sospensione dello spazio-tempo tra suoni e luci, quello che il trio sembra creare in un’ora di concerto. Un susseguirsi di apri e chiudi gli occhi, reali o creati dall’alternarsi delle luci accese-spente, veloci-lente studiate sulle musica che parte dalle casse e arriva allavelocità del suono dritto al centro cardiaco…
L’atterraggio è una sorta di estasi e di orgoglio (una volta ogni tanto) di essere italiana, gli Aucan ci credono e ci credono tanto, non è arroganza o forse sì e in questo caso ben venga, trapela dai dettagli, dall’attenzione della costruzione di un live di suoni, di luci, di movimenti e movenze, di stile…
…ed ho già voglia di ripartire per un altro Aucan live!

Lemp

Commenti

  1. Posted by Poppy on December 22nd, 2011, 21:18

    Le ritmiche dubstep, chitarre noise ed i synth aggressivi, ti travolgono immediatamente e non puoi fare altro che chiudere gli occhi e lasciarti trascinare dai fantastici brani che si susseguono l’un l’altro, Il mio parere?.. uno dei gruppi italiani migliori ed originali del momento, unici!
    Poppy

Lascia un commento

Se lo desideri puoi lasciare un commento o una risposta